La notte dell’Halving ed il 10’000’000 blocco minato su Ethereum

“L’innovazione è la qualitĂ  di vedere nei cambiamenti le opportunitĂ .”

– Steve Jobs

 

Siamo oramai alle porte di contesti tecnologici e di mercato completamente differenti rispetto gli anni trascorsi. Halving tra poche ore e rilascio (circa 3° trimestre 2020) della prima fase del POS di Ethereum. Un 2020 dalle grandi potenzialitĂ  insomma. Questa settimana non è da meno, tra l’Olanda che pare sembri favorevole ad un “euro digitale”, gli audit per un ulteriore wrapper di Bitcoin (su Ethereum) ed i vari aggiornamenti dell’ecosistema DeFi e della foundation.

 

 

Il Mercato quest’ultima settimana

The DAY is today, tutti tesi e ansiosi per l’attesissimo halving di Bitcoin previsto per questa notte. Sale la volatilità e il settore delle criptovalute scivola improvvisamente del 20%. Ritornano sulla scena gli shortisti ma non mancano le notizie positivi per il settore soprattutto per il calo dell’inflazione per ETH 2.0 dichiarato dal creatore Vitalik Buterin.

Analisi Tecnica

Iniziamo come sempre a fare il punto della situazione partendo da un’analisi a lungo termine per proseguire sul medio termine e concluderemo il nostro piccolo viaggio sul breve per vedere cosa è successo negli ultimi giorni di negoziazione per quanto riguarda Ethereum.

Se ti sei perso l’analisi della scorsa settimana clicca qui.

Lungo Termine: Grafico ETH/USD settimanale.

Dopo la conferma della rottura della trendline di lungo termine per la seconda volta la criptovaluta Ethereum ha iniziato una discesa che sembra proiettarsi verso un ritorno sulla trendline.

ETH/USD settimanale
“Clicca qui per ingrandire”

Figura 1: grafico ETH/USD settimanale | Fonte grafica: Kraken

Ethereum arriva da 7 settimane consecutive di rialzo permettendogli di riprendere piĂą del 70% di quello che aveva perso durante il crash di metĂ  marzo dovuto alla propagazione del COVID-19 a livello globale creando cosi panic selling in tutti i settori finanziari.

Il prezzo ha creato in questa fase di rialzo un massimo importante a 227$ da cui poi è precipitato sotto 200$ ed esattamente a 185$ al momento della scrittura di questa analisi.

Crediamo che tutto sia dovuto all’attesissimo evento previsto per questa notte per Bitcoin, ovvero l’Halving che andrà a dimezzare il premio per i miners da 12,5 BTC a blocco a 6.25 BTC. Ciò a fatto scattare enormi quantità in vendita (probabilmente dovuto a qualche whale = balena) per Bitcoin da 9900$ causando un crash generale del mercato.
Pensiamo inoltre che questo momento sia solo una pausa per far rifiatare tutto il settore e dopo l’Halving ritorni a riprendere la corsa al rialzo.

Una tenuta del prezzo, con tanto di rimbalzo, sulla trendline di lungo termine possa dare ai trader l’opportunità di rimettersi LONG. Se non dovesse reggere questa area 170/180$ Ethereum potrebbe continuare la sua flessione verso 150$ e superato questo valore potrebbe riprendere il minimo generato a marzo a 90$ nel caso peggiore.

I volumi sono in leggero aumento e l’indicatore MACD è rivolto in posizione neutra.

Medio Termine: Grafico ETH/USD giornaliero.

Facilmente intuibile come mostrato in figura 2 la rottura del canale rialzista di medio termine che ci aveva portato a 227$ di massimo nei giorni scorsi.

ETH/USD giornaliero
“Clicca qui per ingrandire”

Figura 2: grafico ETH/USD giornaliero | Fonte grafica: Kraken

Crediamo che il prezzo possa rimbalzare nell’area di 170/180$ per poi riprendere la sua corsa al rialzo. Nel caso dovesse violare al ribasso anche quest’area il prezzo può scivolare, come scritto prima, verso 150$ e le cose si metterebbero male per Ethereum.

Ricordiamo che nei prossimi mesi è previsto il lancio di ETH 2.0 e come anticipato da Buterin Vitalik l’inflazione di ETH potrebbe diminuire per via anche al passaggio da POW a POS e per l’aumento costante dell’interesse della finanza tradizionale alla piattaforma Ethereum per una finanza decentralizzata.

I volumi sono costanti e nella media mentre l’indicatore MACD è negativo per via della flessione improvvisa del settore.

Breve Termine: Grafico ETH/USD 4 ore.

Dopo un allungo veloce verso i 227$ Ethereum ha drasticamente invertito la rotta portandosi sotto 200$ accelerando verso area 180/185$ per via soprattutto del brusco calo causato da Bitcoin trascinandosi con se tutto il settore.

ETH/USD 4 ore
“Clicca qui per ingrandire”

Figura 3: grafico ETH/USD 4 ore | Fonte grafica: Kraken

Area importantissima questa in cui ci stiamo trovando.

Crediamo ancora che la fase al rialzo non sia finita ma solo una pausa di consolidamento per tutto il settore. Molte criptovalute hanno ripreso quasi tutto il terreno perso, per Bitcoin anche per via dell’Halving ha ripreso tutto quanto.

Solo un ritorno sopra 200$ innescherebbe una ripresa al rialzo e ETH prendendo nuovamente forza per mirare sul massimo di periodo a 227$ e proseguire a puntare a resistenze piĂą importanti.

I volumi sembrerebbero aumentare lievemente nel brevissimo termine e l’indicatore MACD è negativo.

Rapido sguardo anche a ETH/BTC ovvero alla forza relativa (RS – Relative Strenght).

Continua a diminuire la forza di Ethereum nei confronti di Bitcoin soprattutto per via dell’Halving.

ETH/BTC giornaliero
“Clicca qui per ingrandire”

Figura 4: grafico ETH/BTC giornaliero | Fonte grafica: Kraken

Ethereum continua a perdere forza nei confronti del suo rivale Bitcoin ma crediamo sia principalmente per via dell’Halving di questi giorni. Una rottura di 0.026 aprirebbe la strada per ETH una fase di Bull Market e riprendere la scena come protagonista per la prossima Bull Run.

Analisi Fondamentale

Un breve riepilogo degli aspetti fondamentali di questa settimana:

  • poche ore all’HALVING di Bitcoin
    Non dimentichiamo anche il fatto che il mondo dei cripto sostenitori sta ansiosamente attendendo l’evento dell’anno, ovvero l’Halving di BTC previsto per metà maggio di quest’anno, la domanda di BTC verrà dimezzata premiando i miners di 6,25 BTC ad ogni blocco minato sulla blockchain di bitcoin dagli attuali 12,5 BTC;
  • Bank of Canada pensa ad una stablecoin
    La Bank of Canada sta considerando di lanciare un progetto sulle valute digitali per eliminare il contante in favore di una Stablecoin tracciabile per controllare tutti i pagamenti dei propri cittadini;
  • Kim vivo o morto?
    La Corea del Nord possiede $670 Milioni in criptovalute. Il futuro di questi fondi ha destato grande preoccupazione, dopo la notizia della presunta morte di Kim Jong-Un, il leader dittatore del Paese;
  • Olanda pro EURO digitale
    Iniziano a poco a poco anche i paesi europei importanti come l’Olanda a considerare un’economia senza circolazione di moneta fisica, pensando appunto al digitale.

 

Focus ON – Contenuti premium

Ogni settimana effettuiamo un focus su un determinato argomento. L’appuntamento di questa settimana riguarda:

Business on blockchain: evoluzione

Il concetto di “Business on blockchain” è relativamente nuovo ed è legato alla nascita del Bitcoin alla fine del primo decennio degli anni 2000. Fino a quel momento la maggior parte dell’interesse dell’industria tech e Fintech era rivolta altrove e, soprattutto, aveva come protagonista la parte piĂą produttiva, in questo settore, degli Stati Uniti: la Silicon Valley. — Leggi di piĂą

Altri contenuti esclusivi che puoi aver perso:

 

Le news selezionate dal mondo crypto della settimana

Cosa ti sei perso questa settimana nel mondo crypto? Ecco le principali notizie di rilievo:

  • L’impatto delle Stable Coin sulla rete Ethereum
    La creazione, l’utilizzo e l’adozione delle Stable Coin (monete con rapporto 1:1 con moneta fiat – $/€) è un fenomeno che sta impattando moltissimo sulla rete di Ethereum. Come si legge dall’articolo di Coindesk l’utilizzo di queste ultime ha fatto letteralmente schizzare in alto il numero delle transazioni su blockchain Ethereum, facendogli quasi toccare il picco di Luglio 2019;
  • Ethereum segna i 10 milioni (di blocchi minati)
    I numeri raccontano sempre un po’ di storia se li guardiamo attentamente. Ethereum è un progetto che ha segnato il primo blocco della sua blockchain nel lontano ( in termini tecnologici) 2015. Il suo percorso è stato pieno di insidie (The Dao) e di eventi catalizzatori (ICO). Molto è stato costruito nel frattempo e tanti competitors aka “Ethereum killers” sono nati negli anni, senza però togliergli lo scettro di principale piattaforma per la creazione e l’esecuzione degli smart contratto. Dieci (10) milioni di blocchi minati sono il primo tempo di questa avvincente storia fatta di persone, aziende e numeri. Il secondo tempo vedrĂ  il Pos e il fiorire della Defi!;
  • Le soluzioni per la scalabilitĂ  incontrano la Defi
    Attualmente una grande parte di “gas fee” è impiegata nel settore della Defi e, con il crescere sello stesso, vedremo, molto probabilmente, un uso sempre piĂą massivo di risorse all’interno di Ethereum. Per questo, giĂ  oggi, prima che arrivi il Pos e lo sharding, abbiamo bisogno di tecnologie che aiutino ad alleggerire la sua blockchain. Per questo motivo il team di Synthetix si è unito al gruppo di ricerca di Ethereum Optimism per una demo basata su Optimistic Virtual Machine (OVM);
  • DeFi e adozione di massa, il caso Argent
    Obbiettivo dello Smart Wallet Argent è quello di riuscire a portare la DeFi verso l’adozione di massa. Come spiega benissimo il suo fondatore in questa interessantissima intervista. In particolare, una delle modalitĂ  individuate è quella di avvicinarsi, per facilitĂ  di uso ed adozione, al mondo delle applicazione Bancarie tradizionali ad oggi utilizzate praticamente da tutti;
  • Ethereum Foundation ci aggiorna sul Pos
    Come di consuetudine, il blog dell’Ethereum Foundation ci fornisce lo stato di avanzamento dei lavori sul Pos. Recentemente è stato pubblicato un blog post in cui viene raddoppiato il premio (20k $) per chi trova dei bug nel software di Eth 2.0. La MultiClient Testnet prende forma con 4 client che sono connessi tra loro. Infine sarĂ  rilasciato, a breve, un nuovo piccolo aggiornamento che integrerĂ  gli standard piĂą recenti IETF BLS;
  • tBtc ed il groviglio delle tematiche cross-chain
    Volete sapere quali siano state le difficoltĂ  e le tematiche affrontate durante la revisione del codice di tBtc da parte di Consensys Diligence? Allora non resta che leggersi questo interessantissimo articolo che spiega come sia avvenuta l’integrazione tra due sistemi differenti;
  • Audit tBtc da parte di Consensys Diligence
    Consigliato ai piĂą esperti o smanettoni, riportiamo il link all’audit effettuato da Consensys Diligence (ramo di Consensys dedicato alla revisione e alla sicurezza degli smart contract) sul codice di tBtc e Keep network. Buona lettura;
  • Report sullo Staking di Eth2.0
    In questi giorni è stato rilasciato un approfondito report da parte di Consensys avente a riguardo il futuro staking di Ethereum 2.0 aka POS. I punti di riflessione sono molteplici così come gli approfondimenti. Se ne consiglia la lettura, decisamente alla portata di tutti gli utenti;
  • Nuovo client eth 2 si unisce a Schlesi
    Il client Pegasys si unisce alla multiclient testnet Schlesi. Al momento indicata ancora per i piĂą esperti e smanettoni!
  • La “dollarizzazione” delle public chain
    Il tema delle stablecoin è sempre piĂą preponderante all’interno del dibattito delle blockchain pubbliche. Infatti è possibile osservare il netto incremento dei volumi delle monete “on blockchain” che sono ancorate 1:1 con il dollaro sia in termini di numero (domanda da parte dei consumer/investor) che in quelli dei volumi. Questo è un altro trend in netta crescita e che conviene continuare ad osservare con attenzione;
  • Ethereum potrebbe avere il ruolo di piattaforma per le Banche Centrali
    In una recente intervista, Vitalik buterin ha sostenuto, che la tecnologia di Ethereum, giĂ  oggi, possa essere considerata un’eccellente base/layer per l’emissione di moneta da parte delle Banche Centrali e come collegamento con tutto l’universo DeFi (che spera possa sempre piĂą ingrandirsi);
  • Tempistiche transizione ad  Eth 2.0
    Al recente Ethereum Virtual Summit, in un dibattito trasmesso in diretta streaming il creatore di Ethereum, Vitalik Buterin ha affermato che secondo il suo punto di vista la transizione al nuovo Ethereum sarĂ  alquanto rapida;
  • Ritorno della token economy ?
    Lubin, Ceo di Consensysm, ha recentemente affermato che secondo il suo punto di vista ci sarĂ  un ritorno all’emissione e all’utilizzo dei token, questa volta regolamentati e compatibili con gli standard internazionali riguardanti il riciclaggio del denaro e la protezione del cliente;
  • Staking as a service
    Sempre secondo Lubin, uno dei prossimi business nella blockchain industry sarĂ  quello di fornire servizi che permettano di effettuare staking dei token pos-compatibili, in maniera facile ed intuitiva;
  • Il Pos quando arriva ?
    Ben Edgington, sviluppatore di uno dei client che stanno implementando Eth 2.0, sostiene che la nuova versione di Ethereum arriverà nel terzo trimestre del 2020;
  • Ethereum deve essere valutato come Wall Street valuta Facebook?
    Michael Novogratz, noto imprenditore ed investitore del settore crypto, in una recente intervista ha fatto una considerazione molto importante circa il modo in cui Wall Street dovrebbe valutare i progetti blockchain, cambiando quelli che sono stati i paramenti fino ad oggi comunemente utilizzati. Nel caso di Ethereum ha evidenziato, in particolare, l’effetto network (vedi Facebook), sostenendo che “Ethereum che ha una capitalizzazione di mercato di $ 20 miliardi  che si basa su una confluenza di diversi casi d’uso della blockchain – come finanza decentralizzata, applicazioni aziendali o stablecoin – che raccolgono un gran numero di utenti, che quindi creano un effetto di rete che aumenta i prezzi in modo esponenziale”;
  • Multiclient Testnet per Eth2.0 e audit per la sicurezza
    Se siete curiosi di sapere come stia procedendo lo sviluppo della Multiclient Testnet per Eth2.0 dal punto di vista della sicurezza e del suo audit, vi consigliamo di leggere questo interessante report di Raul Jordan (consigliato per chi è più tecnico).

 

Eventi di rilievo

Tutti gli eventi o quasi a causa della pandemia da Coronavirus sono stati cancellati o proposti in via virtuale, tra questi in particolare per la community italiana:

 

Aiutaci a condividere

0Shares
0

Iscriviti ora per ricevere la newsletter gratuita

Privacy Policy