Solana più Brave: nuova partnership per il mondo DeFi del 2022

Annunciata la nuova partnership tra Solana e Brave, aziende del mondo DeFi che mirano all’adozione di massa creando nuovi strumenti per gli utenti.

Solana brave partnership
Tempo di lettura: 4 minuti
  • Le due aziende collaboreranno per migliorare l’esperienza di navigazione sul Web3 fornendo strumenti veloci e a basso costo
  • Saranno disponibili, all’interno del browser di Brave, sia il wallet di SOL che le funzioni di exchange con tante novità, compresi gli NFT.
  • L’obiettivo, secondo Brendan Eich e Anatoly Yakovenko, è raggiungere la mass-adoption e ottenere il rilascio entro la prima metà del 2022.

Solana e Brave Browser hanno appena stretto una collaborazione di fondamentale importanza per entrambi gli ecosistemi. Parliamo di due tra i progetti più conosciuto in assoluto in ambito blockchain, anche se non sono prime monete in classifica per il loro controvalore in dollari.

La partnership

La notizia è diventata ufficiale durante la conferenza di Solana, Breakpoint, in cui il CEO e co-fondatore del progetto BAT, Brendan Eich, ha stretto un accordo col CEO di Solana Labs, Anatoly Yakovenko. Il tutto è avvenuto due giorni fa, 8 novembre 2021.

Nella giornata si è parlato, in particolare, di come entrambe le società riusciranno ad offrire il meglio l’una per l’altra, ottimizzando al massimo le features di ogni portafoglio. In questo caso, il portafoglio SOL sarà integrato all’interno della versione aggiornata di Brave Browser nella prima metà del 2022.

Il browser, d’altronde, rappresenta l’opzione di Web3 desktop più apprezzata al mondo, almeno secondo le recensioni di chi lo usa. Velocità, fluidità e reattività lo distinguono da sempre, come anche i reward in BAT per gli advertiser e coloro che navigano usando l’applicazione.

Implementazione della blockchain

La cosa più interessante che scaturisce da questa nuova collaborazione, oltre al wallet, è la blockchain nativa di SOL. Ciò consentirà, appunto, a tutti gli utenti che navigano sul browser di godere di un supporto stabile e di transazioni istantanee, con costi ridotti al minimo.

In aggiunta, Brave sarà compatibile con le dApps non solo native, ma anche di origine cross-chain. Riguardo ai costi di transazione, giusto per farci un’idea, si aggirano intorno ai 0,001$ e 0.002$. Se confrontiamo una transazione qualsiasi su Ethereum, quindi, la differenza è davvero notevole.

Solana brave partnership
Ethereum

Non a caso, SOL lanciato a circa 2.50$ su Binance nell’agosto 2020, vale ben 240$ al momento della stesura di quest’articolo, con ATH che si aggirano intorno ai $259.90. D’altronde, parliamo di un ecosistema rapido ed economico, ma notevolmente efficiente per le esigenze dei suoi utenti.

Come ribadito da Brendan Eich, tra l’altro, sia utenti che developers hanno bisogno di accessi istantanei al Web3. In questo modo, “la partnership aprirà la strada al prossimo miliardo di utenti crypto per sfruttare applicazioni e token”

Difatti, la maggior parte degli utenti non usa dApps e applicazioni decentralizzate non tanto perché non si fidano, ma perché risultano macchinose e poco intuitive per chi non ha dimestichezza con questi strumenti. La vera chicca, infine, sta in un’ulteriore integrazione: quella del Solana DEX per scambiare le proprie monete e i propri token sulla sua blockchain.

Saranno supportati anche NFT e protocolli come Themis, ufficialmente progettato da Brave per consolidare la sua Roadmap. Tutto ciò renderà la navigazione sul Web3 molto più sicura.

Il browser di Brendan Eich, infatti, è in grado di limitare i rischi dovuti ad attacchi di phishing grazie ai suoi scudi di protezione, che minimizzano anche le fughe di indirizzi wallet tanto temuti dagli utenti della DeFi. Inoltre, il processo sarà decentralizzato, perché sarà come trovarsi in un browser a tutti gli effetti.

L’obiettivo, al solito, è l’adozione di massa, motivo per cui la partnership ha già segnato numeri positivi, col token BAT in positivo del 10% oggi. Abbiamo già parlato di Web3, e parleremo ancora di Brave in una guida più dettagliata e approfondita.

Conclusioni

Una collaborazione tra due società come le suddette è estremamente importante per il mondo blockchain e DeFi, in quanto migliorerà notevolmente l’esperienza lato utente.

Da una parte, gli utenti del mondo BAT otterranno transazioni più veloci con fee quasi nulle, godendo al contempo delle dApps disponibili nel mondo SOL.

Il tutto all’interno di un browser che ha tutti gli aspetti del mondo tradizionale, ma tutte le funzionalità di uno strumento decentralizzato.

Tenersi aggiornati, in questi casi, può soltanto aiutare con l’utilizzo di tali strumenti.

Approfondimenti

Bibliografia

Scritto da
Contributore
Laureato in lingue per la comunicazione interculturale e d'impresa, mi sono avvicinato da circa 6 mesi al mondo delle criptovalute, e me ne sono praticamente innamorato. Nella vita faccio il content writer come freelance, ma mi piace tenermi aggiornato sulle notizie relative al mercato della blockchain e faccio qualche micro-investimento. In più, sfrutto la potenzialità di alcune piattaforme di mining, faucet e wallet virtuali.
Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Condividi l'articolo

Articoli correlati
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x