Stablecoin e Interpretive Letter 1174: le banche americane potranno utilizzare la blockchain per le transazioni

Sembrerebbe che l'America stia facendo passi da gigante riguardo all'utilizzo delle criptovalute. Da qualche giorno infatti, secondo quanto affermato dall'OCC (Office of the Comptroller of the Currency), le banche potranno sfruttare le nuove tecnologie, incluse le INVN e le monete stablecoin, per effettuare transazioni.  

monete stablecoin
Tempo di lettura: 3 minuti
  • Brian Brooks e la lettera del 4 Gennaio
  • Le stablecoin in breve
  • L’Interpretive Letter 1174

Introduzione

Brian Brooks, controllore al servizio dell’Ufficio controllore della valuta (OCC), è conosciuto per la sua passione e il suo forte interesse verso la fintech, o tecnofinanza, e la tecnologia della blockchain. Da quando ha assunto questo importante ruolo, infatti, sono state emesse diverse normative riguardanti la regolamentazione delle criptovalute.

Brian Brooks e la lettera del 4 gennaio

Nell’ultima lettera del 4 gennaio, l’Interpretive Letter 1174, il controllore ha voluto illustrare come le banche, attraverso le nuove tecnologie disponibili, abbiano il diritto di utilizzare INVN (independent node verification networks, ovvero network che utilizzano nodi di verifica indipendenti) e stablecoin per effettuare transazioni nel pieno rispetto delle leggi vigenti sul territorio americano.

stablecoin

Le stablecoin in breve

Rispetto ad una moneta “classica” come il Bitcoin o l’Ethereum, le monete stablecoin sono token virtuali pensati per mantenere un valore costante, che combacia con quello delle monete fiat (es. il dollaro). Ciò consente di ridurre al minimo i rischi concernenti la volatilità del mercato, permettendo agli utenti di effettuare scambi veloci e sicuri senza che essi subiscano variazioni al momento della transazione. Tra le più gettonate, ci sono sicuramente quelle di tipo collateralizzato, ovvero USD Tether (USDT)True USD (TUSD)Paxos Standard (PAX)USD Coin (USDC), e Binance USD (BUSD).

L’Interpretive Letter 1174

Utilizzare le monete stablecoin, quindi, rappresenta sicuramente un vantaggio sia per le banche che per i clienti, in quanto le transazioni saranno notevolmente velocizzate. Ad esempio, se si vuole effettuare un pagamento nei confronti di un determinato beneficiario, basterà convertire la moneta fiat (in questo caso il dollaro) in stablecoin (ad esempio in USD Tether) e inviarli tramive INVN al beneficiario. Dopodichè, il beneficiario potrà decidere se tenere il denaro ricevuto sottoforma di stablecoin o convertirlo in moneta fiat.

Nella lettera è anche sottolineato come, oltre a rappresentare un metodo di pagamento molto più veloce, l’utilizzo delle monete stablecoin rappresenti una soluzione più economica ed efficiente rispetto a quelle tradizionali. In particolare, le banche sono state invitate ad utilizzare la blockchain pubblica per eseguire pagamenti transnazionali, riducendo al minimo i costi per ogni transazione.  Di seguito parte del testo originale in cui viene illustrato l’esempio che abbiamo visto sopra.

“For example, one entity (payer) may wish to remit a payment of U.S. dollars to a second entity (payee). Rather than using a centralized payment system, the payer converts the U.S. dollars to stablecoin and transfers the stablecoin to the payee via the INVN. The payee then converts the stablecoin back into U.S. dollars. In one common version of this fact pattern, the payment is a cross-border remittance.”

Conclusioni

E’ strabiliante come nell’ultimo anno, soprattutto a causa della pandemia globale, l’intero mondo stia acquisendo una grande consapevolezza riguardo al settore delle criptovalute. Come sempre, l’America sembra essere la nazione che si muove prima delle altre, implementando nuove leggi e regolamentazioni ben lontane da quelle del territorio europeo. Tuttavia, il futuro sembra promettere numerose innovazioni anche per il nostro continente, che poco alla volta si apre a tecnologie innovative e nuovi sistemi di gestione del denaro. Come al solito, tenersi aggiornati sulle tematiche del settore può soltanto giovare alla nostra conoscenza e al nostro portafoglio.

 

Approfondisci gli argomenti

Interpretative Letter 1174: https://tinyurl.com/y6nfdsno

https://www.theblockcrypto.com/

https://www.forbes.com/?sh=10c030812254

https://academy.binance.com/it/articles/what-are-stablecoins

https://theledger.it/podcast/theledger-incontra-hal/

https://theledger.it/approfondimenti/bitcoin-dalle-origini-ai-giorni-nostri/

Bibliografia

https://www.forbes.com/sites/haileylennon/2021/01/04/occ-regulator-implements-groundbreaking-cryptocurrency-guidance-for-banks-and-the-future-of-payments/?sh=63cb41c627e9

https://www.theblockcrypto.com/linked/90025/occ-regulator-banks-stablecoins-issuance

 

Scritto da
Contributore
Laureato in lingue per la comunicazione interculturale e d'impresa, mi sono avvicinato da circa 6 mesi al mondo delle criptovalute, e me ne sono praticamente innamorato. Nella vita faccio il content writer come freelance, ma mi piace tenermi aggiornato sulle notizie relative al mercato della blockchain e faccio qualche micro-investimento. In più, sfrutto la potenzialità di alcune piattaforme di mining, faucet e wallet virtuali.

Condividi l'articolo

Articoli correlati