Bitfinex e Tether raggiungono un accordo con il NYAG’s

La battaglia legale tra Bitfinex, Tether ed il NYAG’s si è conclusa dopo quasi due anni Bitfinex e Tether pagheranno una somma simbolica di 18.5 milioni di dollari per chiudere la causa Tether non potrà più operare o svolgere qualsiasi attività commerciale nello stato di New York   L’accordo Finalmente, dopo quasi due anni, la […]

Tether
Tempo di lettura: 3 minuti
  • La battaglia legale tra Bitfinex, Tether ed il NYAG’s si è conclusa dopo quasi due anni
  • Bitfinex e Tether pagheranno una somma simbolica di 18.5 milioni di dollari per chiudere la causa
  • Tether non potrà più operare o svolgere qualsiasi attività commerciale nello stato di New York

 

L’accordo

Finalmente, dopo quasi due anni, la battaglia legale tra BitfinexTether ed il New York Attorney General’s Office ( NYAG’s ) si è conclusa: l’esito è molto positivo per tutto il settore cripto in generale.

Bitfinex e Tether sono giunti ad un accordo con il New York Attorney General’s Office ( NYAG’s ), secondo il quale pagheranno una somma simbolica di 18.5 milioni di dollari e non potranno più operare nello stato di New York.

Inoltre, Tether dovrà riportare trimestralmente tutte le sue riserve ed i suoi assets per i prossimi due anni, fornendo una chiara trasparenza della sua attività.

Come da accordo, Bitfinex e Tether hanno affermato di non aver commesso alcun illecito.

Nel corso di questi ultimi due anni, le due società hanno fornito oltre 2.5 milioni di pagine di documentazione al NYAG’s per rispondere a tutte le loro domande.

 

L’accusa

L’accusa partì ad aprile 2019, quando il NYAG’s ipotizzò che Bitfinex utilizzò i fondi di Tether, per coprire la perdita di 850 milioni di dollari dovuta alla confisca dei soldi di Crypto Capital Corp.

I fondi di Crypto Capital Corp vennero confiscati dal governo portoghese e dal governo polacco.

Da allora Bitfinex sta tentando in tutti i modi di recuperare quei fondi.

 

Durante l’accordo, il NYAG’s ha riconosciuto la recente restituzione del prestito, da parte di Bitfinex a Tether.

Bitfinex e Tether rassicurano e ringraziano i propri clienti per la fiducia posta in questi anni.

 

Jason Weinstein, ex pubblico ministero federale ha dichiarato:

Contrariamente a varie ipotesi online, dopo due anni e mezzo, non ci sono prove che Tether abbia mai emesso tethers ( USDT ) senza copertura, o abbia mai manipolato i prezzi delle criptovalute“.

 

Conclusione

Ad oggi, il sito ufficiale di Tether ( https://tether.to/ ) afferma:

“Ogni USDT emesso è coperto dalle riserve di Tether, che comprendono cash, crediti ed altri tipi di assets. Ogni USDT è legato al dollaro statunitense, quindi 1 USDT equivale ad 1 USD”.

Sicuramente, la chiusura della causa porterà meno preoccupazione nei confronti di Tether, che potrà continuare ad operare ed a concentrarsi sul proprio business.

 

Sitografia

 

Scritto da
Contributore
Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Condividi l'articolo

Articoli correlati
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x