Paypal diventa trader di criptovalute cominciando da UK

Paypal ha deciso di lanciare il trading appunto con le criptovalute in Europa partendo dal Regno Unito. Così entra in concorrenza con la Revolut

pexels brett jordan 5437587 2 scaled
Tempo di lettura: 4 minuti
  • Paypal ha deciso di lanciare il trading appunto con le criptovalute in Europa partendo dal Regno Unito
  • La società Paypal ha altresì deciso di appoggiarsi, per riuscire ad espandersi al meglio nel regno unito, a Paxos come partner crittografico
  • Nel Regno Unito al momento, almeno da quello che dichiara il portavoce di paypal,  gli utenti possono acquistare alla settimana un massimo di 15.000
  • Paypal è entrata in concorrenza con la società fintech britannica Revolut

Paypal criptovalute

Finalmente la notizia che tanti addetti ai lavori e appassionati di criptovalute è arrivata: Paypal ha deciso di lanciare il trading appunto con le criptovalute in Europa partendo dal Regno Unito!

In pratica questo significa che Paypal  permetterà a tutti i suoi utenti iscritti di vendere, detenere o acquistare criptovalute proprio in questi giorni:ricordiamo che al momento paypal supporta 4 monete e cioè  LTC, BCh, BTC, ETH.

Paypal ha deciso quindi di espandersi e il primo segnale in tal senso si era avuto lo scorso ottobre quando aveva lanciato il suo servizio di criptovalute negli Stati Uniti: gli utenti del regno Unito, così come quelli statunitensi, avranno l’imperdibile possibilità di negoziare, trattare e detenere ben 4 criptovalute:

  • Ether(ETH)
  • Bitcoin(BTC)
  • bitcoin cash (BCH).
  • litecoin (LTC)

La società Paypal ha altresì deciso di appoggiarsi, per riuscire ad espandersi al meglio nel regno unito, a Paxos come partner crittografico: questo è un elemento molto importante perché Paxos andrà ad agire come market marker.

Ricordiamo una cosa molto importante e cioè che almeno al momento Paypal non consente ai suoi utenti di fare prelievi su portafogli esterni ma secondo alcune fonti interne all’azienda potrebbe essere una cosa solo momentanea.

Queste fonti hanno riferito ai giornalisti che ancora non c è una data precisa per il lancio. Il  il vicepresidente e direttore generale di PayPal ha dichiarato per quanto riguarda il tema delle criptovalute: Ci impegniamo a continuare a lavorare a stretto contatto con le autorità di regolamentazione nel Regno Unito e in tutto il mondo, per offrire il nostro supporto e contribuire in modo significativo a plasmare il ruolo che le valute digitali avranno nel futuro della finanza e del commercio globali

Al momento gli utenti paypal possono cominciare a entrare a poco a poco in questo mondo iniziando a investire  un minimo di £ 1 o $ 1, ma dovranno rispettare un investimento massimo da non sforare .

Nel Regno Unito al momento, almeno da quello che dichiara il portavoce di paypal,  gli utenti possono acquistare alla settimana un massimo di 15.000 e questa cosa ha lasciato perplessi sia gli utenti che gli addetti ai lavori, soprattutto se si considera che in America il limite di acquisto è  superiore a $ 100.000.

Paypal e trading: cos’altro c’è da sapere?

Paypal criptovalute

Altra cosa da sapere è che negli Stati Uniti di America, Paypal consente ai suoi iscritti di usare le criptovalute anche se in un modo indiretto. Infatti qualche mese fa, a marzo, Paypal ha iniziato a parlare di una funzione chiamata “Checkout with Crypto” e che consentirà ai propri iscritti di convertire le criptovalute in contanti senza commissioni di transazioni e prima di poter fare un pagamento.

Il portavoce di Paypal ha inoltre dichiarato: Stiamo appena lanciando il nostro servizio di acquisto, detenzione e vendita di criptovalute nel Regno Unito. Impareremo e osserveremo come i nostri clienti del Regno Unito utilizzano la nostra offerta di acquisto, detenzione e vendita di criptovalute prima di iniziare a implementare più funzionalità”, PayPal prevede di implementare gradualmente questa funzionalità su altri mercati globali nei prossimi anni.

Ancora non è chiaro con precisione quali sono i volumi di scambio e quanto guadagnerà Paypal da questo nuovo servizio di criptovaluta:  a differenza di altre realtà come Robinhood e Square non rivela dati finanziari relativi alla sua attività di crittografia.

Ma Paypal come società non si ferma al servizio di trading di criptovalute, per il quale è entrata in concorrenza con la società fintech britannica Revolut che supporta 30 token, ma è attiva anche nel campo nello spazio di investimento in criptovalute.

Non è un caso che ha sostenuto in questi ultimi mesi startup come Talos, Taxbit e altre e quindi parliamo di una società in continua evoluzione sotto tanti aspetti.

Per approfondire:

Bibliografia:

Scritto da
Contributore
Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Condividi l'articolo

Articoli correlati
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x