Criptovalute: a cosa servono realmente? Ne parla Michael Saylor

Il miliardario CTO Michael Saylor ha definito bitcoin come “opera scaturita da un’idea primordiale per le prossime evoluzioni della razza umana” In questo momento ci sono in tutto quanto il territorio statunitense circa trentamila stazioni di servizio in cui sono accettati bancomat in Bitcoin Però all’interno di bitcoin, la criptovaluta originale e tuttora la più […]

cryptocurrency g674b84778 1920
Tempo di lettura: 12 minuti
  • Il miliardario CTO Michael Saylor ha definito bitcoin come “opera scaturita da un’idea primordiale per le prossime evoluzioni della razza umana”
  • In questo momento ci sono in tutto quanto il territorio statunitense circa trentamila stazioni di servizio in cui sono accettati bancomat in Bitcoin
  • Però all’interno di bitcoin, la criptovaluta originale e tuttora la più grande, solo un decimo delle transazioni corrisponde ad attività “economicamente significative”
  • Il bitcoin “è stato molto lento ad essere adottato dalle persone che ci hanno investito”, ha detto l’analista di Wolfe Research Darrin Peller

criptovalute michael saylor

Il mondo è sempre più crypto, o almeno questo è quello che sembrerebbe da tutta l’informazione da cui veniamo bombardati tutti i giorni sui social network e tramite email riguardo alle criptovalute. Il mondo appartiene, o apparterrà, a tutti coloro che sapranno evolversi a uno stile di vita completamente digitale e automatizzato. I messaggi sono chiari e sono questi. Chi rimane indietro è perduto. Ma…

Il denaro a cosa serve? Si suppone che l’unica funzionalità di questo strumento dal valore arbitrario (o quasi) sia quella di poter pagare per l’acquisto di beni e servizi. 

Il bitcoin (e ogni altra moneta digitale) sono denaro? La risposta a questa domanda sembrerebbe piuttosto semplice. Tutti noi diremmo che è lapalissiano, scontato, il risultato si trova già nel nome “moneta digitale”. Eppure, ancora oggi, pochissime persone sparse nel mondo, molto raramente, utilizzano le criptovalute direttamente per comprare cose. 

Vediamo a che punto si è evoluta questa questione e perché è davvero importante fermarsi a fare questa riflessione, oggi. 

Il paradosso delle critpovalute fino ai giorni nostri

Il miliardario CTO Michael Saylor ha definito bitcoin come “opera scaturita da un’idea primordiale per le prossime evoluzioni della razza umana”. Il suo sito web la descrive anche come “una banca nel cyberspazio” che offre “un conto di risparmio semplice e sicuro per miliardi di persone”. Di recente ha rivendicato la proprietà di circa 740 milioni di dollari in bitcoin (per la precisione, ha un patrimonio di 17.732 bitcoin).

Sebbene possa essere sicuramente un uomo da invidiare, soprattutto dal punto di vista economico, Saylor ha delle limitazioni, come ogni altro essere umano. Infatti, noi con i nostri miseri e limitati risparmi racchiusi nei nostri portafogli del tutto anonimi e tradizionali possiamo di sicuro andare al bar che si trova sotto casa e farci servire una gustosa colazione a base di caffè espresso e cornetto alla crema o alla marmellata. Possiamo fare molte altre cose con pochi euro e sicuramente, per quanto non possano essere considerate attività esclusive, queste ci rendono la vita un poco più semplice e felice. 

Una cosa che Saylor certamente non può fare con tutti i suoi bitcoin è pagare la colazione, neppure la più sontuosa o la più umile e semplice che si possano preparare al mondo. Il miliardario non può con molta facilità prelevare un token di bitcoin dal suo wallet per darlo al barista della regina Elisabetta affinché gli prepari un cappuccino annacquato in tazza grande. Sebbene al giorno d’oggi quasi tutti abbiano un conto crypto, soprattutto le più grandi aziende e attività esercenti di servizi luxury, non esiste alcun ristorante che accetti un pagamento immediato in bitcoin.

“Prenderei i soldi del monopolio prima di prendere la criptovaluta”, ha detto un funzionario, che ha rifiutato di fornire il suo nome.

In questo momento ci sono in tutto quanto il territorio statunitense circa trentamila stazioni di servizio in cui sono accettati bancomat in Bitcoin, mentre solamente quattro anni fa i servizi che offrivano questa possibilità erano appena mille e ottocento. Quasi la metà dei diciassettemila chioschi che hanno la loro sede a Bellevue di Coinstar e che convertono soldi in contanti danno bitcoin. E i consumatori hanno a disposizione una crescente gamma di opzioni per acquistare, vendere e persino trasmettere la valuta digitale, comprese le popolari app di pagamento come Cash App e Venmo.

Dal punto di vista culturale, le criptovalute e specialmente il Bitcoin sono pronte per una presenza sempre maggiore: lo scorso mese, in un accordo da settecento milioni di dollari lo Staples Center di Los Angeles è stato ribattezzato Crypto.com Arena dall’exchange di criptovalute. Mentre i Miami Heat stanno ora suonando nella FTX Arena, che prende il nome da un altro scambio di criptovalute. Ed entrambe le società hanno in programma di pubblicare annunci durante il Super Bowl il prossimo mese.

Ma sebbene al momento ci sia molto clamore al riguardo (non sembra che smetterà di essere un argomento caldo nei prossimi giorni, mesi, anni), abbiamo troppi pochi dati alla mano per poter affermare che le criptovalute possano essere considerate mainstream, per il momento. Un recente sondaggio del Pew Research Center ha rilevato, infatti, che il 16% degli americani ha sì utilizzato la criptovaluta in un modo o nell’altro, ma quasi tutti la acquistano per fare un semplice investimento speculativo e non per utilizzarla come moneta vera e propria. I soldi hanno una sola funzionalità, ossia l’acquisto di beni e servizi. Oggi le criptovalute come il Bitcoin non vengono utilizzate quasi per nulla a questo scopo.

“Non sta ancora succedendo”, ha detto Dan Dolev, analista di tecnologia finanziaria per Mizuho Securities, dell’idea di sostituire il denaro contante con le criptovalute. “Non posso neppure dare una stima di quanti spendano con i bitcoin, poiché sono talmente poche le persone che lo fanno che il dato risulta insignificante. Le persone comprano e scambianob criptovalute perché pensano che il loro valore nel tempo aumenti. O perché si sono fatte trascinare dalla voce che la moneta digitale sarà la moneta del futuro. O così tanto per farlo, perché hanno soldi da investire e non sanno su cos’altro farlo.”

Secondo uno studio di ottobre del National Bureau of Economic Research, all’interno di bitcoin, la criptovaluta originale e tuttora la più grande, solo un decimo delle transazioni corrisponde ad attività “economicamente significative”. E di quella porzione, lo studio ha concluso che gli investitori che mirano a comprare a un prezzo basso e a vendere a un prezzo alto hanno rappresentato la stragrande maggioranza dei risultati.

Per alcuni fan sfegatati di bitcoin, questo va più che bene.

Criptovalute: molti investitori e pochi spenditori

criptovalute michael saylor

Saylor, uno degli evangelisti più accesi delle criptovalute, si colloca tra le “balene” del bitcoin, una classe di investitori molto facoltosi che controllano una porzione eccessiva degli asset. Oltre alle partecipazioni personali, il produttore di software aziendale di Saylor, MicroStrategy, ha investito le sue riserve aziendali in bitcoin e ha preso in prestito per acquistarne di più; ora detiene circa 5,2 miliardi di dollari in valuta digitale.

In effetti, i primi diecimila singoli investitori bitcoin possiedono circa un terzo di tutti i token digitali in circolazione, secondo una ricerca NBER, una concentrazione di ricchezza maggiore di quella dei dollari tra le famiglie statunitensi più ricche. Secondo un rapporto di Chainalysis, nel secondo trimestre dello scorso anno, le transazioni per oltre 10 milioni di dollari hanno rappresentato oltre il 60% dell’attività nel mercato in crescita della finanza decentralizzata, l’alternativa crittografica ai servizi finanziari tradizionali.

Poiché il mercato globale delle criptovalute è esploso in valore (triplicando l’anno scorso da 774 miliardi di dollari a 2,2 trilioni, secondo CoinMarketcap) ha attratto una fascia più ampia della popolazione. L’1 su 6 americano che dichiara di aver investito, scambiato o utilizzato in altro modo criptovaluta rappresenta un aumento rispetto al 2015, quando solo l’1% ha riferito di essere coinvolto, secondo Pew.

E la base di investitori di oggi è sempre più diversificata. Un sondaggio condotto durante l’estate dal NORC presso l’Università di Chicago ha rilevato che il 44% di coloro che hanno acquistato o scambiato criptovaluta nell’ultimo anno non erano bianchi, il 41% erano donne e il 35% aveva un reddito familiare annuo inferiore a sessantamila dollari. Il sondaggio ha anche rilevato che il partecipante medio aveva meno di 40 anni e non aveva una laurea.

Per alcune aziende affermate che cercano di entrare in azione, questa potrebbe essere la prova di cui hanno bisogno che c’è un futuro nella valuta digitale.

Bitcoin vs Dollaro: come finirà?

Il CEO di Block Jack Dorsey, il co-fondatore di Twitter che ha recentemente lasciato il gigante dei social media, prevede che il bitcoin sostituirà il dollaro e diventerà la “moneta unica” del mondo entro massimo dieci anni. Square si occupa di fornire servizi di e-commerce e bancari ai venditori e a dicembre ha inviato l’annuncio che avrebbe cambiato il suo nome in Block.

Block agisce din maniera da consentire alle persone di acquistare e vendere monete digitali tramite la sua app Cash. La società sta anche promuovendo e praticando una serie di iniziative incentrate sull’espansione del sistema della DeFi (finanza decentralizzata) su quale si basa bitcoin. Si tratta di uno sforzo progettato per “aiutare bitcoin a raggiungere un pubblico sempre più vasto ed eterogeneo”, ha detto Dorsey agli analisti durante l’intervista di Novembre che riguardava gli ultimi risultati e i traguardi raggiunti dalla compagnia.

La spinta parte da un piccolo punto. Le transazioni di bitcoin sull’app Cash sono aumentate negli ultimi due anni, ha affermato il referente della compagnia. Ma le commissioni sulle transazioni crittografiche erano inferiori al 4% dell’utile lordo della società nel terzo trimestre. E il volume degli scambi di bitcoin sulla piattaforma è diminuito di circa la metà dal primo trimestre dell’anno al terzo: un calo che l’analista di Wolfe Research Darrin Peller ha attribuito ai consumatori che si sono sentiti meno invogliati dopo essere stati stimolati a investire e spendere soldi. Il bitcoin “è stato molto lento ad essere adottato dalle persone che ci hanno investito”, ha detto Peller.

Potrebbero essere utili ulteriori scelte per l’utilizzo della crittografia negli scambi economici quotidiani. I giganti dei pagamenti Visa e Mastercard hanno entrambi annunciato partnership con società di criptovalute che consentono a banche e commercianti di offrire ai clienti la possibilità di spendere, investire e guadagnare premi in criptovalute.

Ma il percorso delle monete digitali verso un più ampio utilizzo da parte degli utenti difficilmente seguirà (come finora non ha seguito) una linea retta. I principali rivenditori nazionali che hanno giocato d’azzardo per accettare bitcoin attraverso i loro siti Web nel 2014 hanno poi abbandonato l’opzione quando non sono riusciti a convincere i loro clienti.

Meta vs Bitcoin vs Dollaro: una sfida all’ultimo sangue

Meta, la società sopra Facebook, di fronte alle sue grandiose ambizioni per un futuro crypto ha dovuto affrontare le sue sfide. Il gigante dei social media nel 2019 ha tentato di cavalcare l’onda cercando di trasformarsi in un colosso dei pagamenti digitali, e così ha rivelato l’intenzione di lanciare una sua propria moneta, la quale avrebbe consentito agli utenti di scambiare denaro senza le consuete commissioni di transazione. Ma i timori delle autorità federali che regolamentano gli scambi fiscali riguardo a un prodotto che possa comportare rischi per il sistema finanziario hanno ostacolato il progetto fino a questo momento. David Marcus, il dirigente responsabile, ha lasciato l’azienda alla fine dello scorso anno.

Gli utenti impegnati a spendere criptovalute hanno comunque numerose possibilità di fronte a loro. Overstock, che rivende mobilio online, ormai è dal 2014 che accetta pagamenti in bitcoin. Altri importanti e grossi brand, come AT&T, Home Depot e Regal Cinemas, hanno fatto i giusti passi in questo senso, in maniera che i loro clienti avessero perlomeno questa alternativa non convenzionale e dimostrando di sapersi adattare alle nuove esigenze. Pure alcuni importanti enti benefici, come la Croce Rossa americana e la National Kidney Foundation, fanno notare a chiunque visiti i loro siti Web che ora sono predisposti ad accettare donazioni in criptovalute.

Resta ancora qualcuno ancorato a una tradizione senza criptovalute?

cryptocurrency g56027fb44 1920

Le piccole imprese sono state più lente a seguire l’esempio di questi colossi. Presso Reiter’s Books, una libreria indipendente di fronte alla Banca Mondiale nel centro di Washington, i clienti possono sfogliare i titoli sulla tecnologia blockchain sugli scaffali e convertire denaro in bitcoin presso l’ATM del negozio. Ma il proprietario Robert Nelson non accetta le criptovalute come forma di pagamento. E dice che un cliente deve ancora utilizzare l’opzione crittografica sull’ATM, che è di proprietà e gestita da un venditore che dà loro una quota delle transazioni. “È tutto sconcertante”, ha detto Nelson.

Anche se il valore pratico delle criptovalute rimane in discussione, i suoi enormi guadagni come risorsa di investimento si sono rivelati irresistibili.

I migliori gestori patrimoniali BlackRock, Fidelity e Vanguard investono nel mining di bitcoin, le reti di computer assetate di potere essenziali per convalidare le transazioni sulla rete decentralizzata. Durante l’estate, ForUsAll, un piccolo fornitore di 401 (k), ha annunciato una partnership con Coinbase che consente ai partecipanti al piano di investire fino al 5% dei loro fondi pensione in valute digitali.

Queste misure hanno allarmato alcuni accademici che studiano la crittografia.

“Penso che le criptovalute potrebbero essere giuste per alcuni investitori al dettaglio, ma sicuramente non tutti”, ha affermato Sarah Hammer, direttrice senior dell’Harris Family Alternative Investments Program presso la Wharton School presso l’Università della Pennsylvania. “Un principio fondamentale dell’investimento è che man mano che ti avvicini alla pensione, il tuo portafoglio dovrebbe diventare meno volatile, in modo che tu possa fare affidamento su di esso per il reddito della tua pensione. Quindi spetta alle persone stare attenti.

Una continua vendita delle principali criptovalute dimostra il punto. Bitcoin è in calo di circa il 40% da quando due mesi fa ha toccato il massimo storico di circa $ 69.000; L’etere è caduto della stessa grandezza durante questo periodo. Bitcoin ha una storia di tale volatilità; l’anno scorso, il suo prezzo si è dimezzato da marzo a luglio prima di aumentare in autunno.

Ma una pubblicità di Crypto.com con protagonista l’attore Matt Damon invia un messaggio diverso. Dopo aver presentato una serie di avventurieri nel corso della storia, Damon osserva un inquietante pianeta rosso nello spazio.

“La fortuna” dice, “favorisce gli audaci”.

Per approfondire:

Bibliografia:

Scritto da
Contributore
Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Condividi l'articolo

Articoli correlati
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x