Bitcoin Revolution Companies: Sec approva ETF (con Tesla e Twitter nell’accordo)

Sec approva gli ETF per il "Bitcoin Revolution Companies" e nell'accordo ci sono anche Tesla, PayPal e Twitter.

pexels crypto crow 1447418 scaled
Tempo di lettura: 4 minuti
  • Sec approva gli ETF per il “Bitcoin Revolution Companies” e nell’accordo ci sono anche Tesla e Twitter
  • Il nuovo ETF di Volt Equity offrirà agli investitori esposizione a una serie di società come MicroStrategy e Square che detengono criptovalute e questa è una notizia molto interessante
  • Il portafoglio dell’ETF includerà circa 30 società, tra cui Tesla e PayPal
  • Volt ha affermato che il 25% delle attività del fondo sarebbe costituito da azioni di MicroStrategy, una società di sicurezza informatica che ha acquistato grandi quantità di Bitcoin

Bitcoin revolution companies etf

Il nuovo ETF di Volt Equity offrirà agli investitori esposizione a una serie di società come MicroStrategy e Square che detengono criptovalute e questa è una notizia molto interessante.

La Securities and Exchange Commission degli Stati Uniti ha approvato un fondo negoziato in borsa (ETF) che tiene traccia delle principali società investite in (BTC). Il fondo è stato depositato e sarà gestito da Volt Equity. Non è direttamente collegato al principale asset crittografico, anche se molte persone lo considerano come un araldo dell’approvazione del primo Bitcoin ETF nel paese.

Il portafoglio dell’ETF includerà circa 30 società, tra cui Tesla e PayPal.

L’approvazione arriva mentre il mondo delle criptovalute continua ad aspettare che la SEC approvi un puro ETF Bitcoin.

Gestito da Volt Equity , con sede a San Francisco , il fondo fornirà agli investitori al dettaglio un’esposizione a Bitcoin creando un portafoglio di “Bitcoin Revolution Companies” che detengono una quantità significativa di criptovaluta nei loro bilanci.

Nella sua domanda iniziale presentata a giugno, Volt ha affermato che il 25% delle attività del fondo sarebbe costituito da azioni di MicroStrategy, una società di sicurezza informatica che ha acquistato grandi quantità di Bitcoin.

Ma in un’intervista con Decrypt , il fondatore di Volt Tad Park è stato molto chiaro è ha affermato che la percentuale potrebbe essere leggermente inferiore quando il fondo, che sarà scambiato con il simbolo BTCR, sarà quotato alla Borsa di New York nelle prossime settimane e questa è una cosa che viene attesa con molta ansia

Bitcoin Revolution Companies: altre cose da sapere

Bitcoin revolution companies etf

Park ha aggiunto che il fondo sarà composto da azioni di circa 30 società, tra cui Tesla, Square, Coinbase e PayPal. Ha anche detto che Volt ha deciso di includere Twitter, che recentemente ha reso Bitcoin parte delle sue operazioni, e società minerarie di Bitcoin come Marathon che detengono anche la valuta nelle loro tesorerie aziendali.

Quindi ci sarà coinvolta anche una società molto importante come twitter e questa cosa non se l’aspettavano gli esperti.

Park ha affermato che il Bitcoin Revolution Fund sarà meno volatile rispetto ai giochi di criptovalute puri poiché un crollo del prezzo di Bitcoin non ha un effetto importante sulle azioni di aziende come Tesla o PayPal. Come altri ETF, le commissioni del fondo Volt sono modeste, con una commissione di gestione annuale dello 0,85%.

Mentre il via libera della SEC al fondo Volt è ancora ben lontano dall’approvazione di un ETF Bitcoin puro e questo suggerisce che l’apparente linea dura dell’agenzia contro Bitcoin potrebbe ammorbidirsi leggermente.

“Un anno fa, un ETF come questo non sarebbe stato possibile”, ha affermato Park. “Speriamo che questa sia una crepa nella diga”.
Nel frattempo, un recente rapporto di Bloomberg afferma che la SEC potrebbe approvare fino a quattro ETF Bitcoin nelle prossime settimane e questa sarebbe considerata una svolta.

Nel frattempo, altre aziende come il gigante delle criptovalute Grayscale, che hanno passato anni a richiedere un ETF Bitcoin, continuano ad aspettare con impazienza. Dopo che il presidente della SEC Gary Gensler ha segnalato ad agosto che l’agenzia era pronta ad approvare un simile ETF, ma solo uno composto da futures su Bitcoin, il CEO di Grayscale, Michael Sonnenshein, ha affermato, usando una metafora particolare e ironica, che una tale mossa sarebbe simile a “favorire un bambino rispetto a un altro”

In passato, la SEC ha negato le richieste di ETF su Bitcoin a causa dei timori che il mercato sottostante per Bitcoin potesse essere manipolato:questa è una preoccupazione che non sarebbe stata placata approvando solo ETF legati ai futures Bitcoin, poiché il prezzo dei contratti futures è legato al prezzo di un bene sottostante.

Una teoria per il segnale di Gensler secondo cui la SEC approverebbe un ETF future su Bitcoin, prima di un ETF sul mercato spot, è che il primo tipo di prodotto è regolato da una legge diversa che offre ulteriori protezioni per gli investitori.

Per approfondire:

Bibliografia:

Scritto da
Contributore
Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Condividi l'articolo

Articoli correlati
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x