Loopring: in arrivo la soluzione Ethport

Loopring ha annunciato Ethport, una soluzione in grado di risolvere il problema della componibilità tra L1/L2 e CEX, riducendo le commissioni L1.

loopring
Tempo di lettura: 5 minuti

Loopring ha annunciato una nuova soluzione in arrivo con l’aggiornamento 3.7 di maggio, chiamata “Ethport”, con cui promette di risolvere il problema della componibilità tra L1/L2 e CEX, riducendo le commissioni L1.

  • Loopring: scambi e pagamenti ZK-Rollup su Ethereum.
  • Gli utenti possono interagire con le dAAP L1, direttamente con L2, contenendo i costi.
  • Supporto trasferimenti incrociati L2/L2, in maniera efficiente ed economico.
  • Scambi CEX più economici, supportando ritiri direttamente su zk-rollup di Loopring attraverso la funzionalità L1.

Il problema deriva dalla necessità di effettuare operazioni che richiedono di interagire con L1, a fronte di commissione onerose.

Panoramica su Loopring

Fondata nel 2014 da Daniel Wang, personalità con pregressa esperienza nella gestione di exchange, si presenta come un protocollo innovativo, che permette la creazione di DEX grazie ad un sistema modulare, capace di  incrementare scambi di criptovalute e risorse digitali, sostituendo agli scambi tradizionali,  smart contract e attori decentralizzati.

Il primo scambio zk-rollup su Ethereum

Il 27 febbraio 2020 l’azienda annuncia loopring.io, implementando la soluzione zk-rollup, nasce così il primo DEX su Ethereum che sopperisce all’annoso problema per cui in cambio di decentralizzazione e sicurezza si sacrificava la scalabilità. 

Zk-rollup risulta molto efficace nel rendere gli scambi più veloci ed economici, in quanto permette di svolgere la maggior parte del lavoro su L2 e raggruppare le transazioni per effettuare singole transazioni su L1, riducendo i costi del gas  e fornendo una prova di validità immediata, permette la finalizzazione dello stato di L2  simultaneamente su L1.

Nuove sfide

L’utilizzo e la diffusione crescente delle criptovalute e dei trasferimenti su blockchain, rendono sempre più complesse le operazioni e richiedono maggiori interazioni con L1, a fronte della necessità di contenute spese di commissione.

La mancanza di supporti nativi e le differenti peculiarità di sistemi L2, rendono non sempre facili le interazioni.

Un supporto di L1 standard, che superi tutti i problemi legate all’implementazione da una parte e che dimostri i vantaggi sui costi L2 dall’altra, sarebbe auspicabile.

Se è vero che in futuro sempre più operazioni migreranno direttamente su L2, è altrettanto vero che sarà richiesto del tempo affinché ciò avvenga, nell’immediato bisogna trovare risposte per fronteggiare il “periodo di transizione” nel quale ci troviamo.

Nuove soluzioni

Secondo Loopring bisogna concentrare gli sforzi su L2, in quest’ottica l’azienda ha annunciato tramite il suo account Twitter, Ethport: una soluzione che permette di risolvere la componibilità tra L1/L2 e CEX, contenendo contemporaneamente le commissioni L1.

https://twitter.com/loopringorg/status/1384550673950384128

Design di Etphort

Loopring per fornire liquidità a L2, dipende dai fornitori di liquidità o comunque da scambi diretti tra utenti, gli svantaggi consistono nell’avere una quantità limitata di fondi, che perlopiù devono essere disponibili in ogni momento.

Anche se gli scambi zk-rollup risultano essere veloci, permettendo così di non mantenere i fondi bloccati a lungo, il sistema così strutturato risulta comunque poco efficiente in termine di gestione del capitale.

Trovandoci su L2, possiamo coniare la quantità di token necessaria, purché il tasso di cambio sia deterministico, ma se il tasso di cambio può variare o se per altro motivo la transazione L1 fallisce, c’è il rischio che il flash minting (coniare un numero arbitrario di nuovi token, a condizione che si bruci una pari quantità di token prima della fine della transazione)  non possa essere rimborsato.

Per ovviare a questo problema, possiamo suddividere lo scambio in due fasi:

  1. Si raccolgono tutti i fondi degli utenti dedicati per uno specifico scambio, ed invece di passare direttamente al token che l’utente desidera, diamo all’utente un altro token, nella medesima proporzione del token versato (in un rapporto 1:1).
  2. Successivamente si effettua la transazione su L1 così da osservare l’effettivo rapporto di cambio, ed infine la quantità di token ricevuta dalla conversione può essere suddivisa proporzionalmente tra gli utenti in un blocco successivo.

 

loo.EzbhFgtXIAMOIcw

 Bridge

Più efficace è la progettazione “Bridge”, un sistema che permette il deposito di un insieme di utenti direttamente su L1, grazie alla funzione di uno smart contract, in questo modo il numero di transazione viene ridotto ad un singolo trasferimento per token univoco, mantenendo la distribuzione per ogni singolo utente su L2, riducendo così i costi.

The Bridge rappresenta un sistema sicuramente più performante rispetto al “doppio convertitore” ma nel complesso ha costi sensibilmente più elevati, in considerazione di richieste aggiuntive su L1.

Bridge consente:

  • Agli scambi centralizzati di supportare facilmente Loopring utilizzando l’infrastruttura L1.
  • Transazioni efficienti su L1 direttamente da L2, raccogliendo prima tutti i fondi su un conto Bridge su L2, in modo da rendere minimi i trasferimenti di token L1.

 

loo.bridgeEzbhjkeX0AAhEtc

Conclusioni

Come abbiamo già detto, Etphort si pone come soluzione “intermedia”, in attesa di maggiori funzioni attive direttamente su L2.

Risulta particolarmente efficace, in quanto permette un controllo di validità immediato, il che significa non solo prelievi e operazioni pronti per l’uso, ma utilizzare dati L2 per eseguire transazioni su L1, senza preoccuparsi di vedersele annullate.

Approfondimenti

Bibliografia

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Scritto da
Contributore
Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Condividi l'articolo

Articoli correlati
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x