Elrond guida completa: una rete per scambiare token in sicurezza

Elrond è un software basato sulla blockchain che ha lo scopo di premiare i partecipanti alla rete Questo software utilizza Adaptive State Sharding, che è una funzione che riesce a suddividere l’infrastruttura della rete con lo scopo di supportare le transazioni e le tante applicazioni Di sicuro quello che rende Elrond unico è l’utilizzo dello […]

elrond blockchain 1
Tempo di lettura: 11 minuti
  • Elrond è un software basato sulla blockchain che ha lo scopo di premiare i partecipanti alla rete
  • Questo software utilizza Adaptive State Sharding, che è una funzione che riesce a suddividere l’infrastruttura della rete con lo scopo di supportare le transazioni e le tante applicazioni
  • Di sicuro quello che rende Elrond unico è l’utilizzo dello sharding sotto forma di Adaptive State sharding, che riesce a dividere la rete in frazioni più piccole

featured image elrond 1 1024x536 1

Ormai nel settore se ne parla da un po’ di questa piattaforma, e cioè Elrond,  che si basa su blockchain.

Essa si caratterizza per il fatto che consente agli utenti di sviluppare e creare applicazioni decentralizzate e criptovalute, con lo scopo di creare un’economia diversa, che usa come strumento Internet.

Chi ha ideato il progetto aveva un’idea ben precisa: risolvere il problema serio della congestione del traffico sulle reti blockchain, attraverso soluzioni di scalabilità.

Chi utilizza questa piattaforma potrà usufruire di transazioni veloci e con un ambiente scalabile, ma soprattutto dovrà pagare commissioni per le trattazioni molto basse.

Gli esperti suggeriscono che la rete può raggiungere circa 15 mila transazioni al secondo: questo dato la rende una tra le blockchain più veloci sul mercato.

Il token nativo si chiama EGLD, criptovaluta definita multiuso.

Questo token viene utilizzato per le transazioni sulla rete, per il voto e per lo staking: i partecipanti vengono premiati attraverso l’utilizzo dell’asset centrale nel sistema di incentivi.

In definitiva possiamo dire che Elrond è un software basato sulla blockchain che ha lo scopo di premiare i partecipanti alla rete. Il software usa una potenza di calcolo che riesce a supportare il sistema di contratti intelligenti, utilizzati dagli sviluppatori per creare risorse decentralizzate e applicazioni.

Elrond: come funziona

Elrond lo possiamo considerare come un software elaborato che serve per creare Dapp e per sviluppare risorse digitali attraverso il supporto di contratti intelligenti.

Questo software utilizza Adaptive State Sharding, che è una funzione che riesce a suddividere l’infrastruttura della rete, con lo scopo di supportare le transazioni e le tante applicazioni.

Chi ha ideato Elrond ha scelto di utilizzare il meccanismo di consenso definito Secure Proof of Stake. Quest’ultimo è una variante del protocollo PoS che serve per garantire che tutte le partizioni separate della rete siano collegate a una piattaforma funzionale.

Gli sviluppatori avranno la possibilità di utilizzare Elrond per creare applicazioni decentralizzate che andranno a imitare servizi e prodotti.

Gli utenti inoltre avranno la possibilità sia di creare applicazioni decentralizzate e sia di eseguire i contratti intelligenti, con vari linguaggi di programmazione.

Molto importante è la presenza di nodi che gestiscono la rete per supporto alle transazioni e per proteggere la piattaforma.  Inoltre ricordiamo che lo sharding verrà eseguito con la suddivisione in frazioni più piccole con lo scopo di permettere ai nodi di risolvere, una per una, frazioni di transazioni.

Questa cosa sarà molto utile soprattutto per prevenire la congestione e per abilitare il ridimensionamento.

Il meccanismo di consenso, chiamato appunto Secure Proof of Stake, è particolare perché riesce a sincronizzare i nodi i quali eseguono una rete per connettere le frazioni separate dallo sharding.

Anche perché grazie a quest’ultimo Elrond potrà elaborare almeno 12500 transazioni al secondo.

Storia di Elrond

comprare elrond

La storia di Elrond è molto interessante da conoscere per capire meglio di cosa stiamo parlando. Il suo lancio è stato ufficializzato nel 2017 da Lucian e Beniamin Mincu e Lucian Todea.

Parliamo di due fratelli che hanno il merito di avere co-fondato sia il fondo di investimento di risorse digitali MetaChain Capital sia l’offerta iniziale di monete ICO Market Data.

Il team in questi anni ha deciso di investire personalmente in questo progetto ben 2 milioni di dollari. Circa 3 anni Elrond ha organizzato una ICO vendendo più o meno il 25 per cento della fornitura totale, guadagnando più di 3 milioni di dollari.

Di sicuro quello che rende Elrond  unico è l’utilizzo dello sharding sotto forma di Adaptive State sharding, che riesce a dividere la rete in frazioni più piccole.

Questa cosa non è da sottovalutare perché permette di convalidare le operazioni di rete e le transazioni, andando a risolvere però una partizione per volta.

Il risultato sarà che la rete elaborerà tante transazioni al secondo, richiedendo tra l’altro commissioni basse. In definitiva possiamo dire che il progetto Elrond  ha un obiettivo ben preciso cioè creare un’economia digitale, il cui decentramento e la scalabilità saranno caratteristiche integrali della sua infrastruttura blockchain.

Inoltre è molto apprezzato perché permette ai suoi utenti di creare applicazioni decentralizzate e nuove risorse ma soprattutto consente di effettuare transazioni a basso costo.

Parliamo inoltre di un progetto considerato unico dagli addetti ai lavori e dagli appassionati perché supporta Dapp di livello aziendale e allo stesso tempo consente di ridimensionarle, offrendo tre linguaggi programmazione con i quali lavorare.

Da cosa trae valore Elrond

Non abbiamo dubbi sul fatto che Elrond trae il suo valore da quella che è la tecnologia di base del progetto, oltre che dal suo potenziale tecnico e dalla sua capacità di scalare ma soprattutto dal fatto che offre soluzioni di livello aziendale per Dapp, nonché risorse digitali.

Tutti questi elementi sono complici del valore intrinseco di Elrond come progetto.

Tenendo presente che il valore intrinseco non sempre corrisponde al valore di EGLD sul mercato, motivo per il quale quest’ultimo spesso potrebbe essere iper o sotto comprato.

Il valore di mercato di Elrond  si esprime quindi attraverso il suo prezzo di mercato, che è suscettibile di tanti cambiamenti e inversioni di tendenza.

Inoltre bisogna considerare che il valore di mercato di Elrond è legato alla volatilità non che è definito da tanti fattori specifici che faranno abbassare il prezzo.  intendo se possiamo dire che ero è prezioso proporzionalmente sul livello di utilizzo: di conseguenza il numero di utenti che sono attivi indicherà anche quello che è il suo valore come progetto blockchain.

Altra cosa importante da ricordare è che Elrond  è stato lanciato mettendo il limite all’offerta di 31.415.926 Token, prendendo in considerazione il fatto che l’offerta circolante tende a diminuire, attraverso un tasso di inflazione che fornirà ricompense per lo staking nei primi 10 anni del progetto.

Però le commissioni verranno utilizzate per fornire premi di staking: nel momento in cui aumenterà la somma di queste commissioni l’inflazione diminuirà.

Quest’ultima raggiungerà lo zero solo se l’importo delle commissioni generate supererà i tempi minimi garantiti.

Ma sarà proprio questo fatto a creare le premesse per una transizione verso un sistema monetario deflazionistico.   Inoltre, in base a quello che affermano gli addetti ai lavori. il numero di monete EGLD in circolazione se viene moltiplicato per il suo prezzo corrente sarà uguale alla capitalizzazione di mercato, la quale definisce il rango di EGLD, rispetto ad altre criptovalute.

Inoltre determinerà la sua quota di mercato nonché la sua posizione dominante.

Aspetti tecnici fondamentali di Elrond

elrond guida completa
Fonte: https://www.criptovaluta.it/

Una cosa fondamentale da sapere è che Adaptive State Sharding di Elrond,  prima di regolare transazioni sulla catena principale, impiegherà un terzo dei nodi esistenti per convalidarle.

Inoltre ogni 24 ore i nodi verranno rimescolati in quello che sarà un processo continuo, che impedirà ai vari datori di colludere nel momento in cui scambiano gli shard.

Ciò significa che invece di operare dentro una singola catena, Elrond  dividerà la rete in frammenti i quali saranno governati dal protocollo Secure  proof of Stake.

 Inoltre validatori riescono ad operare controllando i produttori di blocchi in modo da assicurarsi che tutte le transazioni siano legittime e che tutto sia in ordine.

Nel momento in cui blocchi saranno stati convalidati i validatori sì sincronizzerano con altri shard nella rete.

Allo stesso tempo una volta che questi ultimi si saranno sincronizzati con i validatori il regolamento le transazioni verrà assolutamente completato.  Questo significa che i partecipanti alla rete verranno premiati con EGLD e saranno incentivati ad aiutare a proteggere la rete e soprattutto a convalidare le transazioni.

La rete Elrond viene protetta usando il processo di stacking supportato per meccanismo di consenso Secure Proof of Stake.  Inoltre dovranno mettere in staking EGLD per proteggere la rete dentro il processo di convalida, all’interno del quale I nodi Funzionano da validatore.

Questi ultimi proteggeranno la rete attraverso il meccanismo di consenso SPos  attraverso il controllo del produttore di blocchi, nonché attraverso la sincronizzazione con gli Shard.

Le transazioni sulla rete dovranno essere convalidate in blocco per proteggere la rete ed evitare la doppia spesa.

I validatori verranno mescolati e selezionati casualmente tra i frammenti per prevenire la collusione e per garantire la fiducia.

Un validatore viene valutato in base alla sua attività: nel caso in cui il suo punteggio è troppo basso potrebbe perdere il suo ruolo ma soprattutto rischierà di dover pagare delle multe.

Scegliere un portafoglio Elrond: come si fa?

Per un utente è possibile archiviare in sicurezza i suoi token in un qualsiasi portafoglio disponibili come Elrond  Wallet che verrà fornito con una commissione di transazione molto inferiore e con la possibilità di custodire   i propri fondi.

Un altro dei Wallet egGold  ufficiali supportato dalla blockchain di Elrond è Maiar..

In questo caso l’utente potrà registrare il suo numero di telefono con l’app di questo Wallet, in modo da accedere facilmente ai suoi fondi e anche per attivare un conto.

Inoltre avrà anche la possibilità di utilizzare una passphrase che gli servirà per recuperare l’accesso in caso di perdita del portafoglio;inoltre può usare il portafoglio Frontier per EGLD, in combinazione con l’app Elrond, per attivare il servizio.

Ma sono tanti altri i posti dove si può conservare il proprio EGLD:il portafoglio scelto dipende soprattutto dal bisogno che si ha di immagazzinare.

Alcuni portafogli come Ledger o trezor forniscono la modalità più sicura per andare ad archiviare criptovalute con il backup off-line. Però il problema è che richiedono delle grandi conoscenze tecniche, oltre ad essere molto costosi.

Ecco perché possono essere adatte soprattutto per conservare grandi quantità di EGLD e sono soprattutto rivolte agli utenti più esperti.  Invece i portafogli software offrono un’altra opzione e sono apprezzati perché sono facili da usare e sono gratis.

Ma sono anche molto intuitivi e infatti sono disponibili nelle app per smartphone o desktop e sono anche divisi in portafogli di custodia e non custodia.

Nei portafogli di custodia le chiavi private verranno gestite e salvate per conto dell’utente da parte del fornitore di servizi, mentre in quelli non di custodia si utilizzeranno elementi sicuri sul proprio dispositivo per archiviare le chiavi private.

Questi ultimi sono considerati convenienti ma allo stesso tempo meno sicuri dei portafogli hardware: sono anche adatti soprattutto per gli utenti più inesperti e per conservare quantità minori di EGLD.

I portafogli on-line sono accessibili per più dispositivi tramite un browser, sono facili da usare e sono gratuiti. Però sono considerati meno sicuri rispetto ai portafogli software ma potrebbero essere perfetti soprattutto per chi effettua operazioni frequentemente e per chi vuole detenere piccole quantità di criptovalute.

Da cosa è influenzato il prezzo di Elrond

Il prezzo di Elrond è soggetto a frequenti variazioni dovute alla volatilità del mercato delle criptovalute.  Inoltre può essere influenzato da tanti altri fattori che ne vanno a condizionare il valore nel mercato.

I motivi principali sono legati al flusso di asset in base a quella che è la situazione economica in quel momento storico, ma soprattutto alla quantità di token in stacking e all’equilibrio tra commissioni di protocollo e inflazione.

Ricordiamo infine che l’ecosistema Elrond incorpora tanti progetti, oltre 100, tra i quali spiccano validatori e fornitori di servizi a pagamento.

Inoltre Elrond  è integrato a progetti di Finanza decentralizzata: invece altri progetti basate sulla blockchain includono Hutu e Arpa.

In conclusione diciamo che Elrond vorrà promuovere in futuro il ridimensionamento e la velocità delle transazioni come fonti principali del valore intrinseco del progetto. Cercherà di farlo utilizzando una rete che riesce a elaborare fino a 15.000 transazioni in un secondo.

Quindi i punti centrali del progetto sono la scalabilità e la decentralizzazione completa dei fondi degli utenti.  

Elrond vuole anche diventare un modello della nuova economia di internet, grazie a strumenti per lo sviluppo di Dapp e alla distribuzione di applicazioni per casi d’uso pubblici e di livello aziendale.

Per approfondire:

Bibliografia:

Scritto da
Contributore
Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Condividi l'articolo

Articoli correlati
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x