Cosmos Network: tutto quello che c’è da sapere

L’ecosistema di Cosmos Network è uno dei più innovativi e discussi degli ultimi tempi; viene definito come l’Internet delle Blockchain, in quanto mette in connessione dApps e servizi pensati per migliorare la decentralizzazione; gli asset sono il loro management equivalgono a più di 130 miliardi, e ci sono oltre 265 app e servizi in circolazione.  […]

logo cosmos atom
Tempo di lettura: 13 minuti
  • L’ecosistema di Cosmos Network è uno dei più innovativi e discussi degli ultimi tempi;
  • viene definito come l’Internet delle Blockchain, in quanto mette in connessione dApps e servizi pensati per migliorare la decentralizzazione;
  • gli asset sono il loro management equivalgono a più di 130 miliardi, e ci sono oltre 265 app e servizi in circolazione. 

In quest’articolo vedremo come fare per entrare nell’ecosistema di Cosmos Network. Nello specifico, andremo a capire come sfruttare nel migliore dei modi lo staking e soprattutto come interagire con le dApps, dato che entrambi i processi non sono da sottovalutare.

Quindi, faremo un’introduzione relativa al funzionamento dell’ecosistema Cosmos, per poi vedere come fornire liquidità al Wallet Keplr e soprattutto scopriremo come si fa ad impostarlo e vedremo tutti i vantaggi nello specifico.

Per quanto riguarda Cosmos Network diciamo che è un progetto concepito fin dal primo giorno in maniera molto chiara e con un ecosistema che ha il compito di facilitare lo sviluppo di blockchain indipendenti, che dovranno essere in grado, in maniera molto semplice e intuitiva, di relazionarsi tra di loro.

Infatti non è un caso che Cosmos abbia la capacità di effettuare transazioni e di comunicare con più di 20 blockchain, le quali sono indipendenti l’una dall’altra: ciascuna di esse infatti è costruita usando quello che si chiama framework semplificato Cosmos SDK.

Cosmos Network, quindi, ha come obiettivo quello di diventare una rete internet delle blockchain che dovranno comunicare tra di loro in modo decentralizzato. Si tratta, in pratica, di una chain proof- of -stake.

Inoltre, ricordiamo che questa blockchain riesce ad autosostenersi grazie al token ATOM, che viene considerato come incentivo per gli utenti detentori. Per questo motivo si viene stimolati e motivati nel voler conservare ogni token in vista di un eventuale aumento di valore.

Questa, ormai, è una strategia sempre più comune nelle blockchain, che ha lo scopo di evitare speculazioni che rischierebbero solo di deprezzare il token in questione. Quindi, per fare tutto ciò gli utenti riceveranno token ATOM in premio. ATOM potrà essere contrattato e venduto sugli Exchange che l’hanno listato, oppure potrà essere tradato attraverso CFD.

Una cosa molto importante da sapere, e che rappresenta un grosso vantaggio, è che in questo caso non serviranno dei Bridge specifici per spostare i token da una Chain all’altra e per utilizzarli, nel senso che l’interoperabilità è già garantita dall’Inter blockchain Communication Protocol.

Questo tipo di architettura è molto importante e conveniente sia perché consente la sovranità, nel senso che ogni blockchain avrà la sua governance e il suo set di validatori. Inoltre, ognuna di esse è un Layer 1, quindi non ha nessuna dipendenza da una struttura sottostante.

Ancora, questa architettura è scalabile, nel senso che possiede tantissime blockchain interconnesse che hanno la capacità di aumentare in maniera significativa il numero di transazioni processabili, senza andare però a congestionare la rete.

Ora, però, andiamo a elencare le principali blockchain che al momento sono attive nell’ecosistema Cosmos Network:

  • Crypto.org
  • Terra
  • Osmosis
  • Juno
  • BitCanna
  • BitSong
  • Akash Network
  • Secret Network
  • Persistence
  • Cosmos
cosmos atom sdk
Fonte: https://blog.cosmos.network/

Come nasce il progetto Cosmos

Come dicevamo prima questo progetto è basato sull’attivazione dell’infrastruttura che ha il compito di unire più blockchain indipendenti per renderle interoperabili tra di loro. Tutto questo può avvenire grazie a uno standard che garantisce le operazioni, che potranno essere svolte in maniera rapida.

Il progetto Cosmos nasce precisamente il 26 giugno 2016 nel momento in cui il suo ideatore Jae Kwon  crea un White Paper per un progetto che si chiamava Gnucleare.

Lo scopo di questo professionista era quello di realizzare un sistema blockchain interoperabile e del tutto decentralizzato, attraverso la proof-of-stake di Tendermint.

Per questo motivo il 5 agosto, sempre del 2016, il progetto venne ribattezzato Cosmos: a quel punto Kwon cercò un modo per finanziare la sua idea.

La svolta ci fu il primo gennaio 2017 quando ebbe l’idea di eseguire una vendita privata di token per accumulare soldi. In quel caso è riuscita a vendere 12 milioni di token ATOM al prezzo di $0,025 token raccogliendo $300.000

Successivamente decise di effettuare una vendita privata sempre di token al costo di $0.08 USD per ATOM. In questo caso fu un vero successo perché furono venduti 160.293.050 Token e quindi riuscì a raccogliere in tutto $1.329.472.

Questo lo possiamo considerare il momento decisivo perché grazie a questa raccolta fondi il progetto riuscì a prendere il volo. Il 5 settembre 2017 fu condotto il primo test utilizzando la tecnologia ATOM: inoltre fu collaudato il sistema di consenso Tendermint della rete.

Però purtroppo in quel caso furono riscontrate diverse anomalie che spinsero il team a rivedere il funzionamento del sistema: questo comportò un anno di lavoro per risolvere i problemi.

Finalmente il 22 aprile 2019 la mainnet di Cosmos fu lanciata con l’estrazione del primo blocco dello stesso. Inoltre fu creato un fondo di ricerca e sviluppo per supportare sia il progetto che sviluppatori ma soprattutto è stato destinato il 10% dell’intera allocazione iniziale di token del primo blocco di genesi. Per questo scopo in tutto furono assegnati 23.619.895,81 token.

cosmos atom
Fonte: https://blog.cosmos.network/

Funzionamento specifico di Cosmos

Cosmos è una rete centralizzata di blockchain parallele e indipendenti: ognuna di esse viene alimentata dal suo algoritmo di consenso e interconnessa della rete Cosmos. Il funzionamento di quest’ultimo è possibile tramite una struttura che si chiama Hub. The Cosmos Hub è una blockchain e che ha lo scopo di preservare l’intera storia della rete.

Essa avrà il compito di memorizzare le informazioni su quello che capita all’interno di Cosmos, soprattutto per quel che riguarda le azioni svolte dagli utenti interconnessi alla rete.

Tutto ciò è possibile grazie a IBC e cioè Inter Blockchain Communication, estratto di un protocollo creato al fine di fornire un connettore standard che permette a una blockchain all’interno di Cosmos di poter condividere informazioni e scambiarsi messaggi, utilizzando un registro completo e che viene preservato dentro Hub.

Gli scambi vengono interamente centralizzati tra tutte le blockchain: per questo motivo Cosmos è stata chiamata Internet della blockchain.

Quando pensiamo a Cosmos ci dobbiamo immaginare una blockchain indipendente e indipendente che scambiano messaggi IBC con l’HUB.

Parliamo di un account multi firma di appartenenza multi asset dinamico che può mandare e ricevere token utilizzando pacchetti IBC.

Una zona potrà essere fonte, per uno o più token, avendo anche la possibilità di gonfiare la fornitura. Inoltre il Proof of di stake di Cosmos ha il potere di limitare le azioni dentro l’Hub.

Cosmos potrà funzionare in maniera efficiente e cerca sempre di andare oltre la prof-of-stake attraverso l’algoritmo Tendermint, che è molto più scalabile e veloce.

Questo algoritmo è stato creato sempre da Kwon nel 2014 e si è sempre contraddistinto per velocità e sicurezza. Lo scopo della sua progettazione è sempre stato quello di realizzare una piattaforma BFT SMR che garantisca dalle prestazioni elevate.

Tendermint inoltre è stato attivato per copiare server specializzati e cioè una macchina particolare che copia i server e li distribuisce in tutta la globale rete Cosmos.

 Utilizzare Tendermint è importante in quanto l’interconnessione di varie blockchain nella stessa infrastruttura avrà come conseguenza principale molte richieste di scalabilità nuovo livello.

L’algoritmo Tendermint è diventato sempre più importante: infatti viene usato non solo da Cosmos ma anche da altri progetti come Terra, Oasis Labs, Facebook Libra, che ora si chiama Diem. Ma viene anche utilizzato da Band Protocol, Kava, Aragon, Ethermint, IRISNet e pochi altri.

Cosa c’è da sapere sul Token ATOM

cosmos network atom
Fonte: https://blog.cosmos.network/

Abbiamo già anticipato che Cosmos Network prevede anche un token nativo che si chiama ATOM e che è importante per realizzare un ecosistema che sia economico e che incoraggi il lavoro che viene realizzato dalla rete.

Non dimentichiamo infatti che la rete Cosmos viene usata con lo scopo di sfruttare il lavoro di tanti validatori i quali sono responsabili dell’utilizzo del protocollo Tendermint e che dovranno eseguire il processo di validazione e generazione dei blocchi dentro rete.

Questo limite avviene inizialmente ma può essere modificato potenzialmente dalla governance del protocollo.

Ma la cosa importante da ricordare è che il lavoro di un validatore può essere ricompensato attraverso il token ATOM. Ma per avere questa ricompensa bisognerà avere uno staking rilevante.

Inoltre un validatore dovrà bloccare e memorizzare il saldo in ATOM per poter partecipare. Il token ATOM ha come scopo principale quello di fungere da prevenzione per l’uso sbagliato della rete e per essere in pratica un deterrente allo spam.

Infatti, oltre a essere utile per evitare l’accesso ai servizi di rete, funge anche da sistema di governance all’interno di quest’ultima.

Ricordiamo inoltre che i possessori del token ATOM possono esprimere il loro voto. Non ci sono limiti alle emissioni di token le quali verranno decise in modo dinamico della rete, osservando però le regole della governance e il protocollo.

Ai premi di blocco saranno aggiunte le commissioni di transazioni che si sommeranno al totale del premio per il validatore. Un blocco viene generato più o meno ogni 5 secondi e quindi si può dire che la blockchain Atom sia una delle più veloci sul mercato.

Infine ricordiamo che in Cosmos è presente un altro token e cioè Fotons, che si caratterizza per essere più veloce e avere molta più liquidità.

In genere viene utilizzato per effettuare transazioni tra tutte le persone collegate all’Hub e per superare i loro limiti di Atom. Risulta utile quindi per pagare le commissioni o per altri servizi di interoperabilità blockchain all’interno di Cosmos. Ma come fare per operare in maniera pratica all’interno di queste cose sistema? Vediamolo insieme.

Primi passi da fare: impostare e installare il Wallet Keplr

Una prima cosa importante da fare è definire cos’è e perché si tratta di un browser Wallet che consente di interagire con le Chain costruite con Cosmos: inoltre può partecipare all’ecosistema in maniera decentralizzata e completamente autonoma.

Inoltre questo browser Wallet permette di spostare token tra le blockchain. Oltre al fatto che consente di gestire sia la governance che lo stalking e di autorizzare un’interazione con le Dapp.

Per quanto riguarda l’installazione bisognerà aggiungere l’estensione browser del Wallet, trovando il link sul web giusto: una volta completato il download si vedrà l’icona in alto a destra nel browser.

Nel momento in cui si cliccherà su questa icona si potranno visualizzare le varie opzioni che consentiranno sia di creare un Wallet ma anche di importarne uno o di importare un Ledger.

Altra procedura importante è relativa all’importazione del Wallet che richiede il possesso della mnemonica. Nel caso in cui andiamo a creare un nuovo Wallet ci verrà proposto di salvare una mnemonica di 12 O 24 parole. Oltre al fatto che dovremo impostare il nome dell’account e dovremmo scegliere una password di accesso al Wallet.

L’ultimo passo, prima di essere pronti a utilizzare il Wallet, è ricomporre la mnemonica nell’ordine esatto in cui è stata proposta. Questa è una procedura che ci assicura di aver segnato le parole in questione.

Come funziona un’interfaccia Keplr

Innanzitutto bisogna selezionare dal menù a tendina in alto la chain nella quale vogliamo operare e dove possiamo inviare i nostri token attraverso i tasti invia e ricevi.

Tra i tasti più importanti abbiamo Clam che ci consente di chiedere le ricompense che abbiamo ottenuto attraverso lo staking. Abbiamo inoltre il tasto stake che ci indirizzerà all’elenco dei validatori della chain che abbiamo selezionato e da lì potremo gestire lo staking scegliendo i validatori a cui affidarci per delegare i nostri token.

Grazie a questo tasto possiamo anche votare le proposte che sono attive utilizzando la governance. Poi abbiamo IBC Transfer che possiamo attivare dalle impostazioni e che dobbiamo considerare come un ponte che ci consente di spostare token manualmente tra una chain e un’altra.

Ma gli esperti sconsigliano di utilizzare questo tasto perché ritengono che sia meglio usare direttamente la User Interface delle Dapps. Ricordiamo che l’estensione Keplr può essere supportata solo da Chrome ma può essere utilizzata anche su Brave però in alcuni casi alcune funzioni potrebbero non essere disponibili.

Oltre al fatto che non bisogna dimenticare che questa estensione non si può usare da un dispositivo mobile. Bisogna stare attenti anche alle truffe ricordandosi che nessuno dei componenti del team di Cosmos e Keplr scriverà a un utente privatamente, chiedendo di digitare i suoi dati o di convalidare il suo portafoglio.

C’è qualcuno dovesse arrivare un messaggio di questo tipo deve sapere che si tratta di una possibile truffa e dovrà informarsi presso i canali pubblici E non fare passi falsi.

Fornire liquidità al Wallet

Molte persone che si affacciano per la prima volta su questa realtà si chiedono come fare adoperare se non hanno nessun token su Keplr. La domanda è legittima e importante e diciamo che la prima cosa da fare è trasferire su questo Wallet liquidità sotto forma per esempio di LUNA o ATOM. I passi da seguire saranno i seguenti:

  • Comprare ATOM usando un Exchange
  • Copiare l’indirizzo Cosmos dal Wallet Keplr
  • Inviare ATOM delle Exchange all’indirizzo Cosmos del punto precedente

Inoltre è bene ricordare che sarà possibile trasferire qualunque criptovaluta, ma l’importante è che sia supportata da Keplr e che sia acquistabile attraverso Exchange. Volendo analizzare gli step precedenti punto per punto ricordiamo che l’acquisto di ATOM avviene nello stesso modo, nel quale in genere avviene qualunque altro acquisto di criptovalute da Exchange.

Però sarà indispensabile fare un bonifico al conto associato al conto o acquistare direttamente con carta. Relativamente al secondo punto invece diciamo che bisognerà copiare l‘indirizzo Cosmos da Keplr, posizionandosi direttamente sulla blockchain sempre di Cosmos andando sul menù a tendina e cliccando sopra l’indirizzo.

Sarà importante verificare che in alto ci sia scritto Cosmos e che l’indirizzo inizi con la dicitura Cosmos 1. In quanto questo sarà l’indirizzo di destinazione dell’invio dalle Exchange.

Per quanto riguarda il terzo punto bisogna sottolineare che gli Exchange in genere non stimolano il cliente a inviare le crypto verso l’esterno perché questo vorrebbe dire essere fuori dalla loro gestione.

Questo è il motivo per il quale le parole chiave da ricercare per orientarsi sono Wallet esterno, preleva e invia. In alcuni Exchange come per esempio Kraken bisogna memorizzare il nome e indirizzo esterno per poi confermarlo attraverso l’email prima di inviare al Wallet Keplr.

L’importanza di interagire con le Dapp

A questo punto l’utente sarà in grado di sfruttare le potenzialità del Wallet completamente autonomo garantendo i reali APY dello stacking utilizzando tutte le Dapps nonché l’Exchange decentralizzato Osmosis.

Una persona che già ha avuto a che fare con Metamask e Dapps su Ethereum non avrà grossi problemi o grosse sorprese. Bisogna considerare che ogni volta che si entra su una Dapp bisognerà prima loggarsi nel Wallet Keplr.

Verrà richiesta una autorizzazione connessione, stabilita la quale si potrà utilizzare la Dapp, ricordandosi però di selezionare la blockchain corrispondente dal menù a tendina.

Altra cosa importante da ricordare: chi ha intenzione di riportare i suoi fondi su Exchange, magari perché vorrà convertire $ATOM in euro dovrà inviare sempre ATOM da Keplr all’indirizzo Cosmos dell’exchange.

Per individuare quest’ultimo bisognerà a fare riferimento alcune parole chiavi quali deposita e ricevi.

Per approfondire:

Bibliografia

Scritto da
Contributore
Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Condividi l'articolo

Articoli correlati
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x