Aztec: un nuovo protocollo verso la mass adoption di Ethereum

Il problema della Privacy Spesso si sente parlare della blockchain come di una tecnologia che permette transazioni anonime e incensurabili. Purtroppo fino ad oggi questa promessa non è stata del tutto mantenuta sul fronte dell’anonimato, in quanto se riuscissimo ad associare un indirizzo blockchain x ( ad esempio uno noto come quello di Buterin) potremmo […]

Tempo di lettura: 3 minuti

Il problema della Privacy

Spesso si sente parlare della blockchain come di una tecnologia che permette transazioni anonime e incensurabili. Purtroppo fino ad oggi questa promessa non è stata del tutto mantenuta sul fronte dell’anonimato, in quanto se riuscissimo ad associare un indirizzo blockchain x ( ad esempio uno noto come quello di Buterin) potremmo da oggi in avanti ricostruire tutto le transazioni passate e quelle future.

aztec 2

Aztec Protocol e Zk Dai

Fortunatamente le cose stanno cambiando e ci sono delle tecnologie che stanno implementando nuovi modelli di privacy sulla blockchain

Aztec protocol, ha introdotto un nuovo tipo di modo di effettuare le transazioni attraverso il perfezionamento del protocollo alla base di Zcash. Questa tecnologia si prefigge lo scopo di celare l’identità del mittente e del destinatario di una determinata transazione e, al contempo, l’ammontare della stessa. 

Al momento attuale abbiamo una versione “mascherata” di DAI (ZkDai) e nel prossimo futuro sarà possibile usare anche ZkEth e ZkBtc.

Privacy “on blockchain”

Nel mondo “ibrido” CeFi ( Centralized Finance ) ovvero quello dove c’è una parte centralizzata (exchange) e una decentralizzata (wallet blockchain) è possibile ottenere un certo grado di privacy in quanto le transazioni all’interno di un determinato cambia moneta sono conosciute soltanto alla compagnia stessa e al cliente che opera sulla piattaforma. 

Quello che fino ad oggi mancava era un protocollo che portasse nella DeFi ( Decentralized Finance ) tutti i vantaggi della CeFi, senza però avere una o più parti centralizzate.

Con Aztec Protcol si può fare leva sui vantaggi di una blockchain pubblica senza rinunciare alla privacy delle transazioni.

Pagamenti interbancari tradizionali

Se si ragiona bene è un po’ quanto avviene nel mondo dei pagamenti interbancari tradizionali. Immaginiamo di effettuare una transazione tramite bonifico bancario verso un qualsiasi soggetto. Come ci insegna l’esperienza il mittente e il destinario della stessa saprà l’ammontare esatto insieme ad altri dati come la data la banche coinvolte ecc.

Ovviamente altri soggetti conosceranno i dettagli della transazioni ( tutti quelli coinvolti nel “settlement” della stessa come banche, camere di compensazioni ecc. ). Nulla invece sapranno i terzi non coinvolti a meno che il mittente e il destinario di una data transazione non comunichi di propria sponte i dettagli, trasmettendo copia ad altri del bonifico bancario.

Nuovo modello di Privacy

Attraverso ZkDai viene replicato, in scala drasticamente minore al momento, quanto avviene nel mondo tradizionale dei pagamenti. Sarà quindi impossibile sapere le vere identità degli attori coinvolti nelle transazioni assieme all’ammontare inviato.

Aztec protocol ha rilasciato sul proprio sito tutta la documentazione tecnica rivolta agli sviluppatori ed anche l’interfaccia grafica per trasformare i propri Dai in ZkDai. Basta andare sul sito internet Zk Money accedere con broswer web 3.0 come Brave o Chrome + Memask e “swappare” in maniera molto semplice.

aztec 1

Conclusioni

La ricerca di un modello vincente di privacy on blockchain ancora non è ancora finita. Sappiamo che la tecnologica dietro Zcash è stata una prima pietra miliare di questo percorso che oggi sta finalmente vedendo  il suo progredire con progetti come Aztec protocol. Nel prossimo futuro sarà alla portata di tutti effettuare transazioni veramente private sulla blockchain senza usare tool come Zk Money e probabilmente i player che non adotteranno di default tecnologie simili saranno considerati non del tutto affidabili.

Scritto da
Contributore

Condividi l'articolo

Articoli correlati